Archivio blog

sabato 20 gennaio 2018

I Templari sono nati in Italia

“La storiografia ufficiale sui Templari afferma da sempre che il primo Gran Maestro dell'Ordine, Hugues de Payns, avesse origini francesi (...), ma esistono fonti storiche certe che avvalorino tale comune convinzione? La versione originale di: "Historia rerum in partibus transmarinis gestarum" di Guglielmo di Tiro, libro 12, Capitolo 7, fa riferimento al: "viri venerabilis, Hugo de Paganis" e non a Hugo de Payns. Nel Medioevo era molto frequente l'uso della y al posto della "i". Pains era anche un errore comunemente commesso nella trascrizione del termine pisano (...) "A scrivere la storia sono i popoli vincenti, sicché ai perdenti non resta altro che tramandare la loro verità con il velato linguaggio dei simboli o sussurrandolo all'orecchio di persone fidate (...) La storia è spesso usata come strumento di propaganda del sistema dominante allo scopo di cancellare ogni scomoda realtà contraria al suo potere (...)" Chi fu quindi il primo Gran Maestro dei Templari? Quale fu il contesto storico, spirituale, misterico che condusse alla formazione dell'Ordine Templare? Il libro di Massimo Agostini: "Et in Arcadia Ego: i miti dei Popoli del Mare" Tipheret Editore, attraverso alcuni documenti ritrovati nell'archivio segreto di una nobile famiglia Toscana, fornisce interessanti ipotesi e verità sull'origine italiana dell'Ordine dei Cavalieri Templari. Ugo de Pagani EMI(u)raici di Pisa (... m 1136) dell'antica famiglia etrusca dei Venulei, viene indicato come primo Gran Maestro dei Templari. La Repubblica marinara di Pisa ebbe un ruolo fondamentale nelle Crociate, fornendo uomini e mezzi. Nota agli storici locali l'importate presenza a Pisa di un Priorato dell'Ordine dei Cavalieri di San Giovanni e dei Templari. Centro culturale del mondo ebraico, Pisa, attraverso i mercanti ebrei divenne il fulcro di scambi culturali, con la riscoperta di antiche tradizioni religiose impregnate dei segreti del Tempio di Gerusalemme. La nobile famiglia dei Pagano Emb(u)riaci, imparentata con importanti famiglie normanne, discendeva dagli Esilarchi, ovvero i discendenti della stirpe davidica in esilio, e per questo depositati di un'antica conoscenza!

Nessun commento:

Posta un commento